aprire una start up cosa fare
come avviare una start up nel 2022

How To Start-Up! 

 

Che cos’è una Start-Up?

 

Una Start-Up è una tipologia di impresa, un progetto imprenditoriale in fase di avvio, che ha le potenzialità per crescere velocemente all’interno del proprio mercato di appartenenza.

Avviare un’impresa da zero è un’esperienza entusiasmante e impegnativa allo stesso tempo: È stimolante perché dovete investire tempo, risorse e denaro, oltre a dovervi occupare di gestire la vostra nuova impresa. Tuttavia, è anche entusiasmante poiché potrete essere il capo di voi stessi, stabilire i vostri orari e far crescere la vostra attività. Avviare una nuova impresa non è facile e richiede una preparazione approfondita da parte di esperti, ed è per questo che è necessario comprendere il mercato e la concorrenza, individuare la domanda di prodotti o servizi, sviluppare un piano aziendale, trovare potenziali partner e investitori; se necessario, risparmiare per gli investimenti iniziali e così via…

Nel concreto, prima di iniziare un percorso imprenditoriale è fondamentale avere un’idea che sia spendibile e che rispecchi una necessità, o che comunque preveda o anticipi un bisogno da parte della società, così da riuscire a posizionarsi all’interno di un mercato e cercare di colmare una mancanza con la propria offerta/proposta.

 1.  Conoscere il pubblico ed il mercato

    Per fare ciò è fondamentale conoscere il proprio Pubblico ed il mercato di riferimento sapere chi sono i vostri clienti target, le loro esigenze e preferenze attraverso la segmentazione delle “buyer personas” (identikit di clienti raccolti in base ad una serie di dati raccolti tramite statistiche e sondaggi.

    Dovete anche sapere cosa fanno i concorrenti e come si è comportato il mercato negli ultimi anni. Potete imparare tutto questo partecipando a fiere e conferenze, leggendo pubblicazioni di settore, parlando con fornitori, partner e con i vostri potenziali clienti per capire le loro esigenze e preferenze. Alla fine di questo processo di studio dovreste riuscire ad ottenere due differenti analisi di mercato: una quantitativa e una qualitativa.

    2. Creare un “Business Plan

    Una volta compresi il pubblico e il mercato, è necessario creare un business plan, ovvero un progetto che delinei tutti gli aspetti della vostra attività includendo i dettagli sui vostri prodotti o servizi, sulla struttura aziendale, sulle strategie di marketing, di vendita, sulle proiezioni finanziarie e sui risultati attesi. Per creare un business plan è possibile utilizzare un software online. Si può anche partire da un modello di business plan e poi aggiungervi dettagli. Una volta creato il business plan, è necessario rivederlo regolarmente e apportare le modifiche necessarie. Il business plan è uno strumento fondamentale per ottenere finanziamenti, quindi assicuratevi di tenerlo aggiornato. 

    3. Trovare il locale giusto

    Un altro fattore da tenere altamente in considerazione è quello della location; trovare il locale per la impresa è fondamentale per porre delle basi fisiche/tangibili al fine di avviare la vostra impresa, gestirla ed incontrare i clienti. Ciò significa che dovete trovare una sede dove poter avviare la vostra attività e incontrare i vostri clienti. Si può iniziare con un ufficio virtuale, che consente di condurre l’attività senza essere fisicamente presenti nello stesso luogo. In alternativa, si può trovare un ufficio in muratura, che di solito comporta un investimento iniziale più elevato e un periodo di locazione più lungo. Questa scelta è particolarmente importante per le imprese commerciali e di servizi perché le loro potenzialità di vendita dipendono dal bacino d’utenza che le circonda e la localizzazione influenza l’immagine.

    4. Effettuare una stima dei costi

    Prima di avviare un’attività da zero, è necessario fare un’analisi ed una stima dei i costi e stabilire un budget. Ciò significa che dovete sapere quanto costa avviare un’attività e gestirla. È possibile stimare i costi creando un elenco di elementi necessari per avviare l’attività. Queste includono l’investimento iniziale, i canoni di locazione o di affitto, le utenze, le attrezzature, la formazione e le licenze, l’assicurazione e altre spese varie. Una volta creato l’elenco delle voci e dei relativi costi, è possibile stabilire un budget per l’attività. 

    5. Trovare il team giusto

    L’azienda la fanno le persone che ci lavorano! Perciò è necessario trovare il team giusto con cui lavorare. Si può iniziare collaborando con più figure professionistiche al fine di ampliare la propria rete nel settore e anche la propria esperienza. Ampliare il team man mano che l’attività cresce è fondamentale, potreste riuscire infatti a trovare potenziali collaboratori che vi aiutino a dare valore e ad accrescere la vostra impresa. Pubblicare annunci di opportunità di lavoro sui siti web o incaricare una società di reclutamento può essere un buon metodo alternativo per rintracciare collaboratori professionisti in caso non abbiate dei contatti che soddisfino le vostre necessità. Ricordate: Se decidete di pubblicare opportunità di lavoro online, dovete assicurarvi che i vostri annunci siano conformi alle leggi vigenti. Inoltre, è necessario effettuare un controllo dei precedenti di tutti i potenziali collaboratori.

     

    Il primo passo per aprire la tua Start-Up! 

     

    Da oltre 30 anni seguiamo le aziende del territorio e le guidiamo verso il proprio futuro grazie ai nostri corsi di formazione, consulenze e bandi di finanziamento.

    Qui potrai scoprire se possiedi i requisiti adatti per poter partecipare al nostro corso di formazione “Yes I Start-Up”!

     

    Clicca qui per maggiori informzaioni o se vuoi partecipare al corso

    Contattaci - Informazioni

    Autorizzazione al Trattamento dei Dati Personali* - Vedi Privacy Policy

    7 + 2 =