Il progetto prevede il restauro delle barchesse dell’Abbazia della Vangadizza, ovvero la zona che si trova tra l’ingresso dell’immobile in via Cigno e il passaggio pedonale per il Parco Munari, nelle quali ricavare spazi per almeno 5 botteghe artigiane in cui insediare altrettante attività.

È un intervento di recupero di immobili di importanza storica attuato con una prospettiva di rinascita del territorio di riferimento. L’inserimento della Vangadizza nel centro di Badia Polesine, la sua centralità storica rispetto ad un ampio territorio, porta a concepire il suo restauro non solo come il recupero del cuore urbanistico di una città, ma come un’occasione di rilancio per un intero comprensorio. Parallelamente al restauro architettonico, viene infatti recuperata anche la funzione, di centro di riferimento per il territorio dell’Alto Polesine e dei comuni delle Provincie limitrofe.