corso per falegname mobiliere
come diventare falegname mobiliere

Diventare Falegname Mobiliere

Prima di tutto chiediti se:

Ti piace lavorare il legno?
Sai essere preciso e attento ai dettagli?
Sei creativo?
Hai una buona manualità?
Ti piace la matematica?
Se la risposta a queste domande è sì, allora una carriera come Falegname Mobiliere fà al caso tuo.

Le mansioni del Falegname Mobiliere

In qualità di falegname, le mansioni principali potrebbero essere le seguenti:

  • Costruzione e montaggio di mobili e/o complementi d’arredo
  • Montaggio e installazione di finiture, porte, scale, modanature
  • Misurazione, taglio e giunzione di materiali in legno o succedanei del legno
  • Riparazione e restauro di mobili o strutture in legno
  • Preparazione di preventivi per i clienti
  • Leggere e interpretare progetti, disegni e schizzi

Quali attrezzature usa il Falegname?

Ce ne sono centinaia, ma alcuni sono imprescindibili:

  • Martello: Essere in grado di battere ed estrarre i chiodi è una parte importante del lavoro di falegname. Un martello e i chiodi sono alla base di ogni progetto.
  • Metro: Prendere misure esatte è un’altra peculiarità del falegname. Se una misura è sbagliata, l’intero progetto potrebbe andare male.
  • Sega: L’arte della falegnameria non sarebbe tale senza una sega. Ne esistono di innumerevoli specie. La più comune è quella universale. Parti da una di quelle per imparare.
  • Oggetti per segnare: Altrimenti noti come penne e matite. Una volta che hai preso le misure dovrai segnare dove tagliare, limare, ecc.
  • Livella: Vitale per la simmetria, le linee dritte e un’accuratezza generale. Se sistemi una livella su un’asse e la tieni contro il muro, ti dirà se è perfettamente in asse o meno.
  • Sgorbie: a è un particolare tipo di scalpello che possiede la lama, o ferro, non piano ma sagomato in varie fogge. Come lo scalpello, è composta da un manico in legno dove è innestata la lama in acciaio.
  • Tornio: Il tornio è una macchina utensile utilizzata per la lavorazione di un pezzo posto in rotazione. La lavorazione avviene per asportazione di truciolo ed è detta tornitura.

Modalità di lavoro

Le modalità di lavoro per i falegnami variano da una azienda all’altra. Alcuni lavorano al chiuso e lavorano una settimana standard di 40 ore (8 ore al giorno, 5 giorni alla settimana). Altri falegnami lavorano principalmente all’aperto e possono lavorare con orari variabili a seconda delle esigenze del progetto.

Come per molte carriere del settore del legno-arredo, ci sono periodi di punta che richiedono il lavoro straordinario. Il numero di ore aggiuntive che lavori ogni settimana dipende dal settore e dai mercati di riferimento dell’azienda.

I falegnami possono lavorare da soli, in team o con aiutanti. Il lavoro può richiedere competenze manuali elevate, ad esempio per realizzare intagli, dorature e laccature del legno. Il lavoro di falegname è anche mentalmente stimolante: importante è la conoscenza della Storia dell’arte e dei materiali legnosi, inoltre dovrai compiere calcoli matematici.

Come per tutti i lavori, la sicurezza è la priorità assoluta. I falegnami sono addestrati a lavorare in sicurezza e prendono precauzioni speciali per proteggersi dagli infortuni.

Formazione per diventare Falegname

Una modalità per diventare Falegname Mobiliere è partecipare in una Work Experience professionalizzante: Coinvolge sia gli studi in aula che la formazione sul posto di lavoro sotto la supervisione di un falegname, chiamato tutor.
Partecipando alla Work Experience, guadagni mentre impari e vieni pagato a ore mentre lavori.

Come aderire ad una Work Experience

I requisiti variano in base alla figura professionale da formare. Di norma è necessario essere disoccupati e residenti nella Regione Veneto.
Per maggiori informazioni consulta la sezione dei Corsi finanziati: https://www.coopservices.it/corsi-e-formazione/

CONTATTI

12 + 14 =